Sartoria partenopea, eccellenza italiana.

Il capoluogo partenopeo, nonchè capitale del Regno delle Due Sicilie in tempo Borbonico e la città sotto il Vesuvio, conosciuta in tutto il mondo non solo per le sue bellezze architettoniche e naturalistiche, per le sue melodie e non da meno la sua cucina, ma anche per l’arte sartoriale o meglio per la straordinaria capacità partenopea di creare e di inventare con stile, fantasia ed eleganza. La sartoria made in Naples è, infatti, una leggenda. Sinonimo di eleganza, accuratezza, buon gusto al massimo della sua espressione. Piccole e grandi sartorie di Napoli e provincia si tramandano nel tempo un’antica tradizione fatta di sobrietà e gusto del particolare. Gli abiti, soprattutto quelli maschili, sono confezionati con raffinatezza e ricercatezza.

La signorilità degli artisti del campo, i sarti ed il loro assistenti non ha eguali. Anche le camicie su misura e le cravatte sono esempio di impeccatibilità; suddetti articoli sono diventati e già lo erano ai tempi orsono marchi famosi anche all’estero. Del resto i capi artigianali hanno un loro fascino intrinseco dovuto all’unicità e alla personalizzazione, caratteristiche queste che li distinguono nettamente da quelli preconfezionati. E a Napoli, si sa, il gusto e l’eleganza del vestire sono qualità innate. La tradizione si tramanda altresì negli abiti su misura.

La signorilità della gente la si respira tra gli abiti che indossano con il massimo della classe, sobrietà. La classe degli abiti parla da se, senza mai osteggiare.

Come predetto, l’attenzione nei particolari e nei tessuti lo si riscontra nella tradizione de “il su misura”. Questo dettaglio  viene curato nei minimi dettagli, senza lasciare nulla al caso. La sartoria napoletana è unica perchè coniuga la perfezione artigianale del prodotto fatto a mano con uno stile aziendale, riconoscibile dal taglio. Grazie al talento e alla genialità dei suoi artigiani, la Campania ha sempre primeggiato nel corso dei secoli nel campo della moda con pregevoli abiti e accessori per uomo e per donna quali scarpe, guanti, cappelli, cravatte e raffinati gioielli. Più in particolare, la sartoria maschile napoletana, di antica tradizione, raggiunse, dopo l’unicità d’Italia e nei primi anni del Novecento, un periodo di grande splendore, riuscendo ad imporsi sulla scena internazionale grazie a numerose aziende di spicco. Aziende che raggiunsero un così alto livello professionale da generare un vero e proprio Stile napoletano, riconosciuto ed apprezzato in tutto il mondo.

Un’ eccellenza che emerge della sartoria napoletana, è la Sartoria Antonelli che offre una prestigiosa collezione in  numerosi tessuti, molti dei quali legati alla stagionalità, alle ultime tendenze alla moda del momento, senza peccare all’attenzione nei dettagli realizzati con una manodopera tradizionale. Mentre per gli amanti dello stile classico e della camiceria tradizionale posso contare su cotoni di altissima qualità optando per trame basic ed evergreen.

Massima attenzione quindi per queste eccellenze partenopee ai dettagli (l’arriccio su maniche e spalle, polsini sagomati, bottoni in madrepeaniche corte, colletto alla coreana e trama pre-stampata). Uno stile classico e raffinato che richiede tutta l’esperienza di sarti e maestri camiciai in grado di cucire interamente a mano almeno otto parti di ogni singola camicia: giromanica, collo, quarto di spalla, mouche (particolare rinforzo di forma triangolare), cannoncino, asole, travetto e bottoni. il proprio corpo con l’abbraccio emozionante di un capo personalizzato. Qui la classe non si inventa, si indossa.

Daniel Mateo Montalcini